Il sapore metallico sulla lingua.

E poi quella sensazione, come se una mano ti serrasse la gola e impedisse ai polmoni di prendere aria. Quasi soffocare. Però lo so che non è vero; se mi concentro lo sento che l’aria entra e poi esce e poi entra… ostacoli non ce ne sono, solo nella mia testa.

Solo nel mio cuore.

E questo sentire dolce e amaro, della vita e tutta la sua potenzialità. Tutte le cose che ho fatto e quelle ancora da fare. Guardarsi indietro e sorridere. Guardarsi allo specchio e sentire le lacrime arrivare, salate sul labbro mentre si sciolgono sul tuo sorriso. Perché tante cose ancora da fare. Tanto tempo… quanto?

E poi ripetere, come un mantra “è stupido, è stupido, è stupido…”

Ma la malinconia ti culla, ti tiene tra le braccia, ti sussurra una nenia… ed è ciò che di più dolce hai.

Digressione

2 risposte a ""

    • E’ vero Max. A volte bisogna lasciarla fare senza opporsi in maniera ostinata e contraria, con la consapevolezza che l’onda come arriva andrà anche via… magari lasciando sulla spiaggia qualche conchiglia lucente!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...