Sliding Doors

Sono entrata nel locale e mi sono sentita degli occhi puntati addosso. Ho alzato lo sguardo e ho visto te. E non ero sicura che fossi proprio tu: un po’ perché sono cieca e un po’ perché non ti avevo mai vista prima. Però l’ho capito subito chi tu fossi e tu hai capito subito chi fossi io. Ti ho dato le spalle e sentivo i tuoi occhi sopra. E avrei voluto andare via, ma anche no. Una parte di me voleva sfatarla questa cosa, voleva smetterla con questi falsi miti e con queste commedie: insomma, bisogna assumersi la responsabilità delle proprie azioni, sempre e comunque. E allora sono rimasta, perché era giusto rimanere. Ad un tratto ci siamo trovate faccia a faccia e ci siamo guardate dritto negli occhi. Tu me ed io te. E ho pensato che sei più bella che in fotografia.

Poi dopo, al ristorante, ti giuro che non mi ero accorta che tu ci fossi. Poteva sembrare un pedinamento: tu che entri dentro un locale ed io che ti seguo a ruota, con una latenza di quindici minuti. Però non è così. Semplicemente il caso ha voluto, dopo che per due anni non ci siamo mai sfiorate, metterci davanti per una serata intera.

E sono contenta di essere stata lì con le mie care amiche.

E sono contenta che non mi abbiano detto che anche tu eri lì se non dopo che sei andata via.

E sono contenta di avere mangiato le costolette di agnello con le mani, di essere uscita dopo un’intera giornata di lavoro con il trucco un po’ disfatto e la faccia stanca.

E sono contenta del vino, delle risate e delle chiacchiere ad alta voce.

Così forse hai visto che non sono perfetta. Sono solo una donna, come tante, e avrai potuto denigrarmi poi al telefono con qualcuno per sentirti meglio.

 

Standard

6 risposte a "Sliding Doors"

  1. scrivi sempre queste cose incommentabili. e non si può neanche cliccare “mi piace”, perché sono cose che ti mettono quel disagio in pancia che non puoi dire “mi piace”. altrove più ancora che qui. ma è il disagio delle cose vere, dei dolori reali. che sono quelli che, in un certo modo perverso, ci tengono attaccati a questa vita così com’è. e che è per questo che sono belli, a modo loro.

    • Si, lo sono. O perlomeno sono la vita, gli attimi che viviamo, le situazioni che affrontiamo, le emozioni che proviamo. E non sono sempre tutti belli, anzi. Ché poi quelli belli ci sono, ma chissà perché sono i momenti come questi che ti restano appiccicati addosso e che ti portano a scrivere. Forse perché i momenti belli vuoi che ti restino addosso, di quelli brutti invece vorresti liberarti. Allora li butti fuori, sperando serva ad allontanarli da te. Invece restano lì, impressi sulla pelle e sui fogli di carta, più tangibili e veri del vero.

    • Si, credo anche io che sia qualcosa che non ha ancora trovato un epilogo. Uno giusto intendo, uno degno. Perché per quanto assurdo così è anche troppo facile. Le cose scorrono e passano, ma impiegano un tempo per transitare e trascinano con loro qualcosa. Sempre. Detriti. Forse sarebbe giusto se ci fossero tre puntini alla fine.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...