SuL BorDo

Le lacrime sul bordo degli occhi. 

Nemmeno tracimano. Come vorresti, salate e calde, sentirle correre lungo le guance e raccogliersi sulla punta del mento, indecise se rischiare quel salto o meno. A cercare il coraggio, anche loro. Invece resti sola a farlo e loro lì, si affacciano timide e tornano indietro, senza sporgersi troppo. 

Osare di sentire e sentire confuso. Una domanda ricorrente mentre ti guardi dritta negli occhi. È come se dovessi fingere, fingere qualcosa che non hai. E vorresti avere la forza di smettere, urlare e strepitare e che ti prendessero per matta, chiamassero tutti a raccolta: fare scempio, dare spettacolo e urlare. 

Urlare e stringersi forte contro, sentire la pelle che brucia e quel senso di appartenenza fisica che si mescola al desiderio. 

E urlando, abbracciando capire. Capire,  finalmente, quale è la verità e sentirla talmente dentro da mettersi a ridere senza più bisogno di camminare dritti. Sedersi e ridere. 

Sedersi.

Ridere. 

Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...