CRoW

Il respiro.
Passa sempre da lì.
Poi attacca il sonno, con la notte che stende le sue ali.
Come quelle del corvo, nero, che mi guarda dalla sua schiena.
Appollaiato sui bordi del letto, di spalle e in controluce.
E il vino rosso sporca i bordi del bicchiere, come sangue.
Parole che si mischiano, la fantasia che sconfina nella realtà e la paura che sale in spirali lattiginose.
Non sai più distinguere, non capisci più dove sia il confine.
Cosa sia giusto lasciare, cosa bisogna tenere, cosa perdere.
La musica ritorna e rimbomba nelle orecchie. Beccheggi tra una parola e l’altra, tra un gesto ed un’attesa, e vomiti l’anima incandescente.
Vorrei capire come si è arrivati fino qui, perché ci resto.
Comincia dal respiro.
Poi attacca il sonno.

Standard

3 risposte a "CRoW"

  1. E se fosse CReW?
    Se avessi bisogno di un equipaggio che ti consenta di guidare la barca?
    Tieni ciò che ti rende leggera.
    Butta ciò che ti rende pesante.
    Forma così il tuo equipaggio.
    E salpa le ancore.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...